C.I.S.E. - Centro per l'Innovazione e lo Sviluppo Economico

C.I.S.E. - Centro per l'Innovazione e lo Sviluppo Economico
Azienda speciale della Camera di Commercio della Romagna - Forlì-Cesena e Rimini

C.so della Repubblica, 5 - 47121 Forlì
T. 0543.713311
F. 0543.713319
www.ciseonweb.it
info@ciseonweb.it

Comunicati stampa

Comunicato 47 Il Sistema moda nell’area Romagna – Forlì-Cesena e Rimini

Pubblicato il: 27/11/2017



Downloads


La dinamica del Sistema moda nella Romagna Forlì-Cesena e Rimini evidenzia nel medio periodo (2°trim 2017 su 2° trim 2012) un aumento pari all’1,4% delle localizzazioni contro un calo del 10,4% in regione e del 5,7% in Italia – Disponibile on line il report completo elaborato dall’Ufficio Studi della Camera di commercio della Romagna – Forlì-Cesena e Rimini

 

Fra le specializzazioni produttive del territorio Romagna – Forlì-Cesena e Rimini il “Sistema moda” riveste un ruolo importante e comprende un insieme di settori (produzione di tessuti, abbigliamento, calzature e accessori) nell’ambito del quale assumono particolare significatività la produzione di abbigliamento e calzature che hanno caratterizzato lo sviluppo dei rispettivi sistemi imprenditoriali di riferimento.

“La circoscrizione territoriale della Camera di commercio della Romagna consta di quasi 100.000 localizzazioni di imprese che producono una ricchezza (valore aggiunto) stimata in oltre 19,5 miliardi di euro - dichiara il Presidente dell’Ente camerale, Fabrizio Moretti -. Numeri che delineano una realtà economica e imprenditoriale significativa, particolarmente articolata, intraprendente e caratterizzata da importanti specializzazioni, filiere e competenze distintive sulle quali è determinante sviluppare progettualità specifiche.

Si tratta infatti di specializzazioni che, nel complesso e sfidante scenario attuale, rappresentano opportunità strategiche per creare occupazione nuova e qualificata e per promuovere la competitività e l’attrattività del nostro sistema imprenditoriale e territoriale.

È importante quindi realizzare, per quanto possibile, azioni condivise valorizzando tutti gli strumenti a nostra disposizione e lavorando con le imprese driver in un’ottica di filiera per aggregare intorno a loro il maggior numero possibile di PMI e coinvolgerle in percorsi di innovazione e di internazionalizzazione.”

top

Focus sul Sistema moda

Immagine paragrafo - Focus sul Sistema moda

Secondo quanto emerge dal Report, elaborato dall’Ufficio Studi della Camera di commercio della Romagna- Forlì-Cesena e Rimini, le imprese del “Sistema moda” sono in crescita: nel medio periodo (2°trim 2017 su 2° trim 2012) si è registrato un aumento pari all’1,4% delle localizzazioni contro un calo del 10,4% in regione e del 5,7% in Italia. Nello stesso periodo il totale delle localizzazioni manifatturiere del territorio è diminuito del 4,1%.

Al 30 giugno 2017, complessivamente il “Sistema moda” consta di 1.053 imprese attive (6.795 in regione e 83.154 a livello nazionale) e rappresenta in termini di incidenza l’1,5% delle imprese totali dell’area Romagna rispetto all’1,7% in regione e all’1,6% a livello nazionale. Le imprese artigiane attive sono 843 e rappresentano una parte significativa del settore (l’80% del totale).

Le localizzazioni attive (imprese e unità locali) sono complessivamente 1.266 con circa 7.900 addetti. La dimensione media è di 6,2 addetti, superiore sia quella media regionale (4,7) che nazionale (4,8). Il 5,9% delle localizzazioni ha oltre 50 addetti.

In termini di “strutturazione” del settore, le localizzazioni riconducibili a società di capitale sono il 27%; dato in linea con quello regionale (26,7%) ma inferiore a quello nazionale (34,4%).

Rispetto al totale delle localizzazioni (1.266): il 12% è costituito da industrie tessili, il 50% produce confezioni di articoli di abbigliamento e articoli in pelle e pelliccia, il 37% fabbrica articoli in pelle (per la maggior parte calzature) e l’1,2% altre parti per calzature.

Le “start up innovative” riconducibili al settore moda sono relativamente ancora poche (3).

Le esportazioni di “prodotti tessili, abbigliamento, pelli e accessori” (comprese le calzature) nel 2016 sono state pari a 1.133,3 milioni di euro con una variazione di medio periodo (rispetto al 2012) del -4% (-12,4% articoli di abbigliamento e -1,3% calzature).

I principali paesi di destinazione sono: Russia, Stati Uniti, Hong Kong, Francia, Regno Unito, Germania, Polonia e Cina. Nel medio periodo, fra le principali destinazioni, la crescita delle esportazioni più intensa si è registrata verso la Cina (+125,8%), il Regno Unito (+81%), gli Stati Uniti (+63%) e Hong Kong (+61,2%). Da evidenziare il calo della Russia (-62,2%) e l’embargo che ha colpito in modo particolare le calzature.

Nei primi sei mesi del 2017, secondo il Monitor dei Distretti di Intesa Sanpaolo, “l’Abbigliamento di San Giovanni in Marignano (Rimini)” ha fatto rilevare un +4,2% rispetto allo stesso periodo del 2016; “le Calzature di San Mauro Pascoli (Forlì-Cesena)” un + 4,7%.

Da evidenziare infine che sia il “distretto” dell’”Abbigliamento di Rimini” sia quello del “Calzaturiero di San Mauro Pascoli” sono aree di rilevanza nazionale per le rispettive specializzazioni produttive e sono caratterizzati dalla presenza di imprese con brand prestigiosi e da produzioni di lusso e di alta qualità intorno alle quali ruota una rete di fornitori e terzisti, flessibili con elevate competenze e in grado di offrire prodotti di qualità e personalizzati.

I dati in oggetto sono disponibili con ulteriore dettaglio settoriale, dimensionale e territoriale nel Report dedicato al “Sistema moda”pubblicato nell’area “Informazione economica” del sito della Camera di commercio della Romagna www.romagna.camcom.gov.it/informazione_economico_statistica/

top

Download